giovedì, Dicembre 12, 2019

Fiorentina-Crotone 1-1, pagelle

Pagelle Fiorentina-Crotone 1-1

Fiorentina-Crotone 1-1, pagelle

Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu 4,5; Salcedo 6, G. Rodriguez 5, Astori 7, Olivera 5 (1? st Kalinic 5,5); Vecino 5,5, Badelj 6; Bernardeschi 5 (34? st Chiesa sv), Ilicic 5,5, Tello 5,5; Babacar 5 (41? st Zarate sv). A disp.: Dragowski, Lezzerini, Tomovic, De Maio, Diks, Cristoforo, Sanchez, Borja Valero, Zarate. All.: Paulo Sousa 5

Crotone (4-3-3): Cordaz 7; Rosi 6, Ceccherini 6,5, Ferrari 6,5, Mesbah 6; Rohden 5, Capezzi 6, Barberis 6; Trotta 6 (43? st Simmy sv), Falcinelli 7 (37? st Claiton sv), Stoian 6,5 (27? st Palladino 6). A disp.: Cojocaru, Sampirisi, Dussenne, Martella, Salzano, Crisetig, Nwankwo, Fazzi, Nalini, Tonev. All.: Nicola 6,5

Chievo-Milan 1-3, pagelle

Pagelle Chievo-Milan 1-3

Chievo-Milan 1-3, pagelle

ChievoVerona (4-3-1-2): Sorrentino 6.5; Cacciatore 5.5, Gamberini 5.5, Dainelli 5, Gobbi 5; Izco 5.5 (65? de Guzmán 6), Radovanovi? 6, Castro 6; Birsa 6.5; Inglese 5 (60? Meggiorini 5), Floro Flores 5 (77? Pellissier SV). A disp.: Seculin, Confente, Spolli, Frey, Costa, Rigoni, Bastien, Parigini. All.: Maran 5.5.

Milan (4-3-3): Donnarumma 6; Abate 6, Paletta 6.5, Romagnoli 6.5, De Sciglio 6; Kucka 7, Locatelli 6, Bonaventura 6.5; Suso 6 (81? Poli SV), Lapadula 6.5 (70? Sosa 6), Niang 7 (87? Bacca 6.5). A disp.: Gabriel, Plizzari, Ely, Gómez, Vangioni, Pašali?, Luiz Adriano. All.: Montella 6.5.

The post Chievo-Milan 1-3, pagelle appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Consigli sesta giornata teoria A

consigli sesta giornata serie A

Consigli sesta giornata serie A 2016-2017

Palermo-Juventus: il Palermo non gioca bene e la Juventus, per quanto distratta dalla Champions, non può perdere punti. Tra i rosanero, Aleesami e Bruno Henrique sono gli unici che potrebbero fare qualcosa. Gli altri meglio lasciarli perdere.
Nella Juventus, Pjanic, Higuaìn e Alex Sandro sono da mettere. Bonucci difficilmente si farà mettere sotto da Nestorovski. Mandzukic potrebbe sbloccarsi. Khedira è una garanzia.
Dubbio Dybala. parte dalla panchina e non segna da un po’. Forse è meglio non schierarlo. Lichtsteiner non convince.
In porta, Buffon.

Napoli-Chievo: Zielinski si sta prendendo spazi importanti. Insigne potrebbe sbloccarsi. Milik, in casa, è una sentenza. Callejòn potrebbe entrare a gara in corso, quindi, conviene rischiarlo.
Nel Chievo, Birsa, Castro e Cacciatore sono quelli con maggior continuità.
Da evitare Hamsik: questa volta rischia di partire dalla panchina e non giocare. Ghoulam non avrà vita facile.
Come portiere scegliamo Reina.

Torino-Roma: l’ex Iago va messo. Belotti contro la difesa giallorossa, rischia di fare almeno un paio di reti. L’altro ex, Ljajic, scalpita in panca. Attenzione a De Silvestri sulla destra.
Nella Roma, Perotti e Salah, in velocità, possono far bene. Strootman prenderà il comando del centrocampo.
Da evitare, nel Torino, la coppia Castan-Rossettini. Obi rischia il cartellino.
Dzeko, contro giocatori fisici potrebbe rimanere a secco. Naingollan ultimamente è meno incisivo del solito.
Come portiere non scegliamo nessuno dei due.

Genoa-Pescara: difesa e attacco del Pescara da incubo, ma Genoa senza Pavoletti. Occhio agli inserimenti di Izzo, Lazovic, Laxalt r Rigoni.
Simeone potrebbe sbloccarsi.
Nel Pescara solo tre nomi: Memushaj, Verre e Caprari.
Da evitare, nel Genoa, Edenilson e Gentiletti, due che non hanno ancora convinto.
Nel Pescara, Campagnaro e Coda rischiano grosso. Manaj non ne prende una. Aquilani è fuori forma.
In porta, Perin.

Inter-Bologna: Icardi in questo momento è una sentenza. Joao Mario, Candreva e Banega hanno alzato la qualità.
Nel Bologna, Verdi e Krejci sono i migliori in questo momento.
Da evitare Murillo: sempre in affanno. Santon e D’Ambrosio giocano, ma molto male.
Destro fuori casa è nullo. Gastaldello, Maietta, Krafth e Masin rischiano il votaccio.
in porta va Handanovic.

Lazio-Empoli: Milinkovic-Savic, Felipe Anderson e Keita possono fare male. Immobile dovrebbe segnare contro la statica difesa empolese. De Vrij non sbaglia un colpo.
Nell’Empoli, al massimo potete mettere Pasqual, capace di offrire spunti sulla fascia.
Da evitare, nella Lazio, Wallace e Cataldi, troppo timidi.
Nell’Empoli, in particolare non schierate Maccarone e Pucciarelli. Non ne azzeccano una ultimamente.
In porta, Strakosha.

Sassuolo-Udinese: il Sassuolo in casa va decisamente meglio. Sorprese Mazzitelli e Ricci. Politano e Defrel sono in grande spolvero.
Nell’Udinese, Zapat e De Paul hanno carburato.
Da evitare Peluso e Pellegrini, i giocatori meno convincenti in questo inizio di stagione.
Nell’Udinese, Danilo e Felipe potrebbero stentare. Threau non ne becca una.
In porta va Consigli.

Fiorentina-Milan: nella Fiorentina, Borja Valero ha un conto aperto con i rossonero. Kelinic potrebbe sfruttare la sua mobilità per far male. Bernardeschi pare essersi ripreso.
Nel Milan, Niang, Bacca e Suso possono fare male ad una difesa statica. Occhio anche a De Sciglio e Calabria.
Da evitare Gonzalo Rodriguez (sembra perdere colpi) e Oliveira (poco convincente). Ilicic è partito malissimo.
Nel Milan, Bonaventura è in grossa difficoltà. Kucka potrevbbe pagare la tecnica del centrocampo avversario. Paletta non sembra avere il passo per contrastare gli attacchi della viola.
Come portiere scegliamo Tatarusanu.

Crotone-Atalanta: gara da dentro o fruori per entrambe. Nel Crotone, Palladino, Trotta e Falcinelli. Nell’Atalanta, Gomez, Paloschi e D’Alessandro, oltre a Kessiè. Degli altri, fareste meglio a dimenticarvi. Non hanno le qualità per incidere in un match di questa importanza (salvo colpi casuali).
Evitate entrambi i portieri.

Cagliari-Sampdoria: partita che si preannuncia ricca di gol. Per questo, le difese sono out.
Da schierare Joao Pedero, Isla, Borriello e Sau da una parte, Linetty, Quagliarella e Muriel dall’altra. Possibile sorpresa Budimir. Non convince, invece, Praet.
In porta, meglio Viviano.

The post Consigli sesta giornata serie A appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Guida alla serie A…Pescara

Oddo, tecnico del Pescara

Il Pescara ci riprova. Dopo l’inopinata retrocessione di quattro anni fa, i biancazzurri provano a centrare la salvezza, impresa riuscita loro solo una volta nella storia. La differenza rispetto all’ultima esibizione sul massimo palcoscenico, potrebbe farla l’allenatore, Massimo Oddo.

LA SQUADRA – Oddo conferma il 4-3-2-1 visto lo scorso anno. In porta è arrivato Bizzarri. In difesa, agiranno, Zampano a destra, Campagnaro e Gyomber al centro e Biraghi a sinistra. A centrocampo, Memushaj e Verre sono sicuri del posto. L’altro è appannaggio di uno tra Brugman e Cristante. In attacco, Caprari e Benali agiranno alle spalle di Manaj (in attesa di un altro centravanti). In panchina Coda, Crescenzi, Fornasier, Vitturini, Mitrita, Selasi e Nicastro. Zupaaric è in partenza.

GIOCATORI DA PRENDERE – A centrocampo ci sono numerosi giocatori interessanti: Menushaj, Cristante, Verre, Brugman e Benali sanno dare del “tu” al pallone. Oddo li farà ruotare tutti, cercando si trarre il massimo da loro. Anche Caprari è un buona scelta. Il ragazzo è maturato molto nell’ultimo campionato. Ormai è pronto per un ruolo da protagonista in serie A.

GIOCATORI DA EVITARE – Gyomber, Coda e Fornasier: uno più scarso dell’altro. Centralmente il Pescara sta messo parecchio male. Per questo va evitato anche Bizzarri: potrebbe incassare parecchi gol. Biraghi è una promessa no mantenuta, proprio come Crescenzi. Nicastro e Del Sole non giocheranno praticamente mai. Mitrita e Selasi o rimangono a fare le comparse o vanno in serie B.

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE Manaj. Il ragazzo ha doti importanti e una consapevolezza nei propri mezzi impressionante. Ha già debuttato (con gol) nella nazionale maggiore dell’Albania. Probabilmente non partirà titolare quando arriverà l’altra punta, ma siamo certi che troverà il modo per mettersi in mostra. Scommessa.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE – Zampano ha qualità, però è molto offensivo. In serie A si difende molto di più e lui potrebbe soffrire. Il suo sostituto, Vitturini, è una promessa che lo scorso anno, quando è stato chiamato in causa, ha fatto bene. Potrebbe, però, pagare lo scotto della serie A.
Campagnaro è uno che ha esperienza e qualità da vendere. Il suo problema è, che non ha una gran tenuta fisica. A 36 anni l’età si fa sentire.

Probabile formazione

RIGORISTA: Memushaj
ASSISTMAN: Caprari
GOLEADOR: Caprari
LA RIVELAZIONE: Manaj
LA DELUSIONE: Gyomber

The post Guida alla serie A…Pescara appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Guida alla serie A…Crotone

Nicola, tecnico del Crotone

Il Crotone è la matricola del campionato. Al primo campionato di A è una squadra zeppa di esordienti. Come se non bastasse, anche il suo allenatore, Nicola, è al debutto in serie A. Aggiungiamoci che la squadra non è stata rinforzata granchè e che il tecnico è tutt’altro che un fenomeno di tattica. Chi salverà i calabresi?

LA SQUADRA – Nicola ha lasciato invariato il 3-4-3 di Juric, senza avere le conoscenze tattiche per attuarlo. Risultato: squadra scollegata in ogni reparto. In porta, è stato confermato Cordaz. I tre di difesa sono Ceccherini, Claiton e Ferrari. A centrocampo giocano Sampirisi a destra e Martella a sinistra con Fazzi e Capezzi in mezzo. In avanti il tridente Tonev-Simy-Palladino. Le alternative sono: Bruno,Zampano, Gnahorè, Salzano, Di Roberto, Rohdèn, Mazzarani, Salzano, De Giorgio, Nalini e Stoian.

GIOCATORI DA PRENDERE – Chi prendere? Noi facciamo quattro nomi: Ferrari, Martella, Capezzi e Palladino. Il difensore ha qualità. Magari all’inizio sbaglierà più del dovuto per via dell’inesperienza, ma può essere un buon rincalzo per il vostro pacchetto arretrato.
Martella è un terzino di spinta molto interessante. Potrebbe regalare qualche bonus e non andrà spesso sotto la sufficienza.
Capezzi è un bel giocatore: ha tecnica, personalità e vede la porta. La Fiorentina lo ha inopinatamente venduto. Siamo certi che, dopo questa stagione, più di qualcuno si interesserà a lui.
Palladino non ha bisogno di presentazioni. E’ stato fregato dai molti infortuni. A Crotone ha ritrovato un ambiente dove esaltarsi. E’ pure rigorista. Può assicurare un bottino di 7-8 gol. Come sesta punta non è male.

GIOCATORI DA EVITARE – Cordaz, Ceccherini, Claiton: difesa da incubo del Crotone. Bruno è giovanissimo. Farà la spola tra la Primaver e la panchina. Sampirisi era un giovane molto promettente, ma ha fallito. Salzano, De Giorgio e Di Roberto non sembrano da serie A. Nalini non ha giocato quasi mai in B lo scorso anno e, a Crotone, sembra chiuso. Stoian è troppo discontinuo. Zampano potrebbe finire in serie B.

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE Facciamo due nomi: Rohdèn e Simy. Il centrocampista svedese parte dalle retrovie, ma potrebbe presto conquistare un posto da titolare. Ha personalità, esperienza, sa inserirsi e suggerire. Può essere un bel colpetto a basso costo.
Simy è, invece, un gigantesco (198 cm) centravanti nigeriano. Probabilmente farà la riserva di Falcinelli (che sta per arrivare), ma, in alcune gare, il suo fisico potrà servire eccome. Da prendere come sesto attaccante. Quattro-cinque reti potrebbe farle.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE – Si parte con Mazzarani. In B ha spesso fatto la differenza. A Crotone, però, parte dietro e non è detto che riesca a incidere. Proseguiamo con Gnahorè. Il ragazzo è un buon mediano, ma ha giocato fin qui, solo in Lega Pro. L’impatto con la A potrebbe tramortirlo. Passiamo a Fazzi: giocatore molto interessante, che, due anni fa, aveva ben figurato nel Perugia. Lo scorso anno, però, ha fatto molta panchina. A 21 anni, potrebbe avere difficoltà a guidare il centrocampo di una squadra giovane ed inesperta. Infine Tonev: a Frosinone, all’inizio, non era dispiaciuto. Po si è perso. Con il Crotone rinascerà? I dubbi ci sono.

Probabile formazione

RIGORISTA: Palladino
ASSISTMAN: Palladino
GOLEADOR: Palladino
LA RIVELAZIONE: Rothèn
LA DELUSIONE: Ceccherini

The post Guida alla serie A…Crotone appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Guida alla serie A…Torino

Mihajlovic, tecnico del Torrino

Cairo questa estate ha dato via a una vera e propria rivoluzione nel Torino. Nuovo allenatore, Mihajlovic, nuovi giocatori. Il tasso qualitativo della rosa pare essersi alzato notevolmente.

LA SQUADRA – Mihajlovic punterà sul 4-3-3. In porta c’è il ballottaggio tra Padelli e Gomis. In difesa, De Silvestri a destra e Barreca a sinistra con la coppia Ajeti-Rossettini. A centrocampo ci saranno Benassi, Baselli e Acquah. In avanti il trio Ljajic-Belotti-Iago. Partono dalle retrovie con buone chanches di avere un discreto minutaggio (o sovvertire le gerarchie), Castan, Molinaro, Moretti, Tachtsidis, Bovo e Boyè. Più distanti dal progetto tattico Zappacosta, Bovo, Aramu, Vives, Gustafson, Lukic, Maxi Lopez e Martinez. L’incognita è Avelar. Maksimovic, invece, pare destinato a cambiare aria.

GIOCATORI DA PRENDERE – Belotti è il primo della lista. E’ormai pronto alla definitiva esplosione dopo una seconda parte di stagione strepitosa. In seconda battuta c’è Ljajic. Ha solo questa chanche: se non va in doppia cifra a livello di gol e assist, avrà fallito. Si attende la crescita di Benassi. De Silvestri è una garanzia. Acquah è cresciuto parecchio: ora è più costante. Occhio perchè potrebbe regalare anche dei bonus inattesi.

GIOCATORI DA EVITARE – Difesa ricca di incognite. Ajeti e Rossettini non sono dei fenomeni. Bovo e Moretti cominciano a perdere colpi. Vives quest’annopotrebbe giocare pochino. Tachtsidis è troppo lento. Maxi Lopez e Martinez rischiano di fare parecchia panchina. Gustafson, al momento, parte dalle retrovie. Obi non ha fatto il salto di qualità. Aramu potrebbe finire in B. Avelar lo scorso anno è stato martoriato da guai fisici, da cui, ancora guarisce. Fino a che non torna al 100% lasciate perdere. Molinaro si limita al compitino.

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE – Due nomi: Barreca e Boyè. Il terzino mancino ha doti di corsa ed è bravo nei cross. Può essere un bell’acquisto. L’ala argentina, invece, è reduce da un bel precampionato. Se Iago continuasse ad avere problemi fisici potrebbe approfittarne.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE – Il primo dubbio del Torino è in porta: Gomis o Padelli? L’ex del Trapani è nettamente più forte, mentre l’italiano commette papere devastanti. Chi sceglierà Mihajlovic? Al momento, Padelli pare avere un leggero vantaggio, ma, occhio! Comunque potete prenderli entrambi e affiancare loro Sorrentino (34 alternanze).
Altro dubbio è su Castan: se sta bene è uno dei più forti centrali dell serie A, ma, dopo l’operazione e l’altalenante scorsa stagione, ci vorrà tempo per riprendersi. Voi tenetelo d’occhio.
L’incognita a centrocampo ha il nome di Baselli. Lo scorso anno partì fortissimo, ma, poi, ebbe un calo preoccupante. Quest’anno rischia di partire dalla panchina. Riuscirà a recuperare?
Infine Iago: due anni fa fece un stagione eccezionale, o scorso anno, tra infortuni e incomprensioni, sparì dalla Roma. Se sta bene è un ottimo acquisto. Il problema, però, sono i guai fisici. La sfiga lo abbandonerà?
Parliamo ora di tre casi: Zappacosta, Maksimovic e Lukic.
Partiamo da Zappacosta: per noi merita di giocare, ma al Torino pare chiusa. Occhio, perchè se va via, può essere un buon investimento.
Passiamo a Lukic: il ragazzo ha qualità. Sa inserirsi e ha doti tecniche e tatiche interessanti. Tutto sta nel vedere come si adatta alla nuova realtà.
Infine Maksimovic: ha rotto con il Torino e probabilmente andrà al Napoli. Lì, però non è così scontato che giochi. Poi, parliamoci chiaro: i troppi infortuni e il rendimento altalenante non ci fanno saltare di gioia.

Probabile formazione

RIGORISTA: Belotti
ASSISTMAN: Ljajic
GOLEADOR: Belotti
LA RIVELAZIONE: Boyè
LA DELUSIONE: Rossettini

The post Guida alla serie A…Torino appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Guida alla serie A…Sassuolo

Di Francesco, tecnico del Sassuolo

Il Sassuolo vuole continuare a stupire. La squadra di Di Francesco è stata la prima ad iniziare la preparazione, a causa dell’Europa League, e ha subito dato subito prova di non aver perso i vecchi meccanismi. Anche quest’anno i neroverdi faranno divertire.

LA SQUADRA – Di Francesco non cambia modulo: sarà ancora 4-3-3, ma la qualità della rosa è aumentata. In porta ci sarà ancora Consigli. In difesa, perso Vrsaljko, tra Gazzola e il neoacquisto Pol Lirola, con quest’ultimo favorito. Al centro, ancora il duo Cannavaro-Acerbi, mentre, a sinistra, spazio a Peluso. A centrocampo, Duncan è sicuro del posto. Mazzitelli e Sensi, insidiano Missiroli e Magnanelli. In avanti, Berardi è intoccabile. Per gli altri due posti, Politano, in atteso di un altro rinforzo, è in pole per il ruolo di esterno mancino. Per il ruolo di punta centrale se la vedranno Matri e Defrel. Riserve Antei, Terranova, Letschert, Fontanesi, Dell’Orco, Biondini, Sbrissa e Laribi. Trotta e Falcinelli potrebbero partire.

GIOCATORI DA PRENDERE – Lo scorso ano Di Francesco è riuscito finalmente a sistemare la difesa. Per questo Consigli è una buona opzione. Magari in coppia con Sportiello (36 alternanze). In difesa, Acerbi è la certezza. A centrocampo, Duncan promette più bonus. In avanti, occhio a Berardi. Ci buttiamo: per noi quest’anno fa 20 gol. E’ la stagione in cui deve esplodere e lo sa. Cannavaro come ottavo difensore va bene.

GIOCATORI DA EVITARE – Lirola (e Gazzola) e Peluso non convincono. Magnanelli, con l’Europa League di mezzo, giocherà meno. Antei, Terranova, Letschert, rischiano di vedere poco il campo. Stesso discorso per Sbrissa e Laribi.

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE – Tre nomi: Dell’Orco, Sensi e Mazzitelli. Si tratta di tre giovani di qualità che lo scorso anno hanno fatto molto bene in serie B. Di Francesco è uno che non ha paura di lanciare i giovani e loro hanno le carte in regola per fare i titolari in A.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE – Matri o Defrel? E’ questo il dubbio che terrà banco per tutta la stagione. Questo significa che, o prendete i due in coppia, o rischiate. Attenzione però: i centravanti di Di Francesco non segnano tantissimo…Capitolo Politano: a poco va preso perchè può essere devastante. Se vi svenate e poi arriva un altro esterno per giocare titolare, rischiate di rimanere col cerino in mano.
Ci sono poi due giovani molto interessanti come Fontanesi e Pellegrini: da tenere d’occhio e magare prendere più in là se cambiano le gerarchie.
Infine, Falcinelli e Trotta: teneteli d’occhio. Se vanno a giocare sono attaccanti che potrebbero regalare soddisfazione. Magari non andranno in doppia cifra, ma come punte di scorta potrebbero servire.

Probabile formazione

RIGORISTA: Berardi
ASSISTMAN: Sensi
GOLEADOR: Berardi
LA RIVELAZIONE: Sensi
LA DELUSIONE: Matri

The post Guida alla serie A…Sassuolo appeared first on Fantacalcio News - Consigli e notizie sul fantacalcio.

Guida alla serie A…Sampdoria

Giampaolo, tecnico della Sampdoria

La Sampdoria di Ferrero assomiglia sempre più al Genoa di Preziosi: un viavai continuo di calciatori che non sembra avere fine. Per Giampaolo, in mezzo a questa bufera, non sarà facile tenere a dritta il timore e portare i blucerchiati in acque sicure. L’impressione è che la squadra potrebbe venire coinvolta nella lotta salvezza.

LA SQUADRA – Giampaolo pare orientato a schierare i suoi giocatori con il 4-3-1-2. In porta sarà confermato Viviano. La difesa è composta da Sala (De Silvestri va verso il Torino), Skriniar, Silvestre e Pavlovic. A centrocampo dovrebbero giocare Linetty, Cigarini e Bruno Fernandes. Il ruolo di trequartista sarà ricoperto da Praet. In avanti, Quagliarella e Muriel. In panchina , difesa ridotta all’osso con Dodò, Regini e Pedro Pereira. A centrocampo ci sono Barreto, Eramo, Ivan, Palombo, Torreira, Duricic e Alvarez. In attacco, Budimir e Schick. Cassano, al solito, fuori rosa.

GIOCATORI DA PRENDERE –  Difficile da dirsi. Bruno Fernandes ha qualità e questo può essere l’anno della sua esplosione. Quagliarellla in doppia cifra dovrebbe arrivarci come sempre. Pavlovic può rappresentare un buon innesto in difesa, perchè regala bonus. Il resto è tutto un punto interrogativo.

GIOCATORI DA EVITARE – Viviano ha fatto un gran campionato lo scorso anno, parando 4 rigori, ma ha comunque incassato 61 gol. Al momento, la difesa blucerchiata è tra le più scarse della serie A. Se non migliora, la vediamo dura. Per questi motivi out anche Sala bravo, ma spesso infortunato. Il terzino, poi, non è il suo ruolo naturale. Meglio da interno. Silvestre e Skriniar non danno garanzie. Regini e Dodò fanno a gara per il voto più basso. Pedro Pereira non ha esperienza per reggere la difesa. A centrocampo, Ivan pare aver perso posizioni. Palombo ed Eramo sembrano le ultime ruote del carro. Barreto non ha giocato bene lo scorso anno e ora rischia di partire dalle retrovie. Alvarez non è in grado di fare la differenza.
Infine Duricic: se si eccettua l’Heerenven, ha toppato ovunque in ogni campionato (Belgio, Inghilterra, Germania e Portogallo). Manca di senso tattico e continuità: perrchè in serie A dovrebbe far bene?

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE – Praet, Linetty e Torreira. Il belga ha corsa, tecnica e senso del gol. E’ uno dei tanti talenti delle “Furie rosse” usciti fuori in questi anni. Sembra l’ideale per sostituire Soriano. Promette almeno 5-6 gol ed altrettanti assist. Il polacco Linetty è un altro giocatore molto interessante. Unisce corsa e visione di gioco. Bravino anche negli inserimenti. Insomma: giocatore che può fare molto bene. L’ex Pescara ha doti importanti: Giampaolo ha già dimostrato di saper dare fiducia ai giovani. Questo significa che il posto di Cigarini non è assicurato.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE – I dubbi maggiori sono in attacco. Muriel riuscirà ad incidere o sarà l’ennesima stagione deludente? Giampaolo ci sta lavorando molto e il colombiano sembra rispondere bene. Sembra…Che fine faranno Budimir e Schick? Il croato ha qualità importanti e con Quagliarella potrebbe formare una coppia intrigante. Il problema è che non si sa neanche se resterà. Voi, comunque, tenetelo d’occhio. A poco può essere un bel colpo.
Il ceko, invece, rischia grosso. Magari tenetelo d’occhio in vista del mercato di gennaio, dopo che si sarà ambientato…
Poche certezze anche su Cigarini: l’ex atalantino sono un paio d’anni che gioca sotto tono. Se Torreira ingrana, lui rischia di fare panca.

Probabile formazione

RIGORISTA: Quagliarella
ASSISTMAN: Praet
GOLEADOR: Quagliarella
LA RIVELAZIONE: Linetty
LA DELUSIONE: Duricic

Rigoristi fantacalcio Serie A 2016-2017. Chi tira meglio?

I rigori sono un bene, ma anche una maledizione. non sempre avere un rigorista in squadra dà i suoi frutti se questo non sa calciare bene. I casi di Hamsik e Higuaìn al Napoli sono emblematici. Diamo qui un’occhiata ai migliori rigoristi della serie A, ovvero quelli con la più alta media realizzativa tra tirati e segnati in carriera.

IL RIGORISTA PERFETTO – É Perotti. L’argentino ha tirato sei rigori in carriera, realizzandoli tutti. Senza più Pjanic e con Totti in panchina, potrebbe essere lui il rigorista designato da Spalletti. Ovvio che, con il Pupone in campo, non ci sarà discussione.

I MIGLIORI – Ai primi posti di questa graduatoria troviamo Destro, Joao Pedro, Birsa, Ilicic, Pavoletti e Belotti, tutti con un solo errore in carriera nelle realizzazioni. Parliamo di quelli che dovrebbero essere i rigoristi “certi” delle varie squadre.
Vi sono poi gli “incerti”, ovvero, quelli che potrebbero essere i rigoristi delle loro squadre, ma, al momento, non vi è una gerarchia sicura.
A queste categorie appartengono Niang e Trajkovski.

I PEGGIORI – Hamsik ha una percentuale realizzativa del 64%. Tra i possibili rigoristi solo Dzeko (58%) fa peggio. Malino anche Cassano (66%), ma il sampdoriano difficilmente vedrà il campo. Un filino meglio Maccarone e Gilardino (68%).

RIGORISTI E REALIZZAZIONI – Diamo un’occhiata ora, ai possibili rigoristi delle squadre di serie A, con la relativa capacità realizzativa.

Rigoristi fantacalcio Serie A 2016-2017

ATALANTA – Due alternative: Paloschi  (78%) sembra essere il rigorista designato. Occhio, però, a Gomez. Due rigori in carriera, due centri.

BOLOGNA – Destro (un solo errore) lo scorso anno era il rigorista. L’ex Inter è ancora infortunato, però. Il suo vice potrebbe essere Verdi (5 su 5) più di Floccari (71%) o Brienza (57%).

CAGLIARI –  I rigori dovrebbero spartirseli Farias (66%) e Joao Pedro (8 centri su 9 tentativi). Più distante Sau: anche lui ha sbagliato una sola volta.

CHIEVO – Birsa (un solo errore), dovrebbe essere il rigorista anche in questa stagione.

CROTONE – Palladino (66%) è il favorito  calciare i rigori i attesa di un centravanti.

EMPOLI – Maccarone  e Gilardino hanno entrambi una media realizzativa del 68%. Possibile che decidano di dividersi anche i tiri dal dischetto.

FIORENTINAIlicic (un unico errore) sembra in vantaggio su Rossi (87%). Le scelte potrebbero cambiare anche in baso a chi Sousa deciderà di schierare in campo, ma, al momento, lo sloveno è favorito.

GENOA – Pavoletti in carriera ha tirato solo 4 rigori tutti con il Varese, sbagliandone uno. Le alternative potrebbero essere Ntcham (1 rigore tirato e segnato),  Veloso (se viene aggregato, 1 su 2) o Ocampos (quest’ultimo non ha mai tirato un penalty, ma mai dire mai.

INTER – Poche storie qui, il rigorista è Icardi (76%).  In caso di sua partenza le alternative non mancano: Eder (due errori su 25 tentativi) o Jovetic (tre errori su 19).  Attenzione, però, anche a Candreva (cinque su 25): potrebbe essere lui il rigorista

JUVENTUS – Dybala ha sbagliato una sola volta, in serie B tre anni fa con il Palermo. Higuaìn va peggio con cinque errori su 21, ma quattro solo nella stagione 2014/2015.Possibile che Dybala ceda qualche penalty al neo compagno di squadra. 

LAZIO – Senza Candreva la responsabilità di tirare i rigori sarà di Biglia (2 errori su 11 tentativi), mentre Immobile (5 errori su 16) dovrà accontentarsi di fargli da vice.

MILAN –  Se Bacca (5 errori su 27) non rimane, potrebbe toccare Niang (un errore su tre). Le alternative sono Suso (anche se lo spagnolo non ha mai tirato un penalty…) e Bonaventura (1 solo rigore, realizzato).

NAPOLI –  Con l’addio di Higuaìn, più Insigne (che ha sbagliato una sola volta), di Hamsik o Milik (anche lui un solo errore. A meno che Sarri non dia fiducia a Gabbiadini (3 su 3). 

PALERMO –  Via Vazquez, via Gilardino. A questa squadra è rimasto solo Trakovski (un errore su tre tentativi) in attesa che Zamparini si decida a fare mercato.

PESCARAMemushaj (84% di percentuale realizzativa) non si tocca. Il capitano sarà ancora il rigorista dei biancazzurri.

ROMA – Come detto, senza Totti (83 segnati su 101, media realizzativa del 82%), potrebbe toccare a Perotti la cui “fedina” è immacolata: 6 su 6.

SAMPDORIA – Il rigorista dovrebbe  essere Quagliarella (2 errori su 11).

SASSUOLO –  Berardi (tre errori su 21) non si tocca. Il suo vice (e, visti i cartellini del talento neroverde è meglio segnarsi questo nome) è Sansone (1 errore su tre tentativi).

TORINO – Belotti (un errore su 10) dovrebbe essere il rigorista del Torino in questa stagione. I vice potrebbero essere Ljajic (4 errori su 9 tentativi) e Iago (perfetto con 3 centri su 3). 

UDINESE – Con l’addio di Di Natale e quello quasi certo di Thereau (2 errori su 11) i rigori potrebbero essere appannaggio di Lodi (due soli errori su 31). Il vice sarà è Bruno Fernades (3  centri su 4).

Guida alla serie A…Lazio

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio

La Lazio prova a normalizzarsi, ma non è facile: dalla farsa Bielsa alla campagna acquisti deficitaria (finora) i biancocelesti vanno incontro ad un’altra stagione con molte ombre.

LA SQUADRA – Inzaghi riparte dal 4-3-3, ma gli esterni latitano. Ceduto Candreva, con Keita e Felipe Anderson sul piede di guerra, ipotizzare una formazione coerente non è facile. Proviamo ad abbozzare una formazione in base a quello che si è visto nelle amichevoli. La linea a quattro di fronte a Marchetti dovrebbe essere composta da Basta, Wallace, De Vrij e Lukaku. A centrocampo c’è il terzetto Parolo-Biglia-Lulic. In attacco, con Immobile, i due ribelli Felipe Anderson e Keita. In formazione potrebbero entrare anche Milinkovic-Savic, Cataldi e Leitner al posto di Parolo, Biglia e Lulic. Rimane l’incognita Morrison. Gli altri “riservisti” sono  Patric, Mauricio, Radu, Hoedt, Bisevac, Kishna e Djordjevic.

GIOCATORI DA PRENDERECome certezze assolute diamo solo Biglia, Lulic e De Vrji (se sta bene). Tutti gli altri giocatori li rimandiamo alle altre “sezioni”.

GIOCATORI DA EVITARE –  Marchetti non convince, come il suo collega Berisha. In questi ultimi anni le “papere” sono aumentate rispetto agli interventi decisivi. La difesa, poi, è imbarazzante. Basta e Radu stanno più tempo in infermeria che in campo. Bisevac, Mauricio e Hoedt non valgono un difensore centrale di Lega Pro. Patric manca di maturità tecnico-tattica. Djordjevic non ha fatto il salto di qualità sperato.

ALTRI GIOCATORI: LE SORPRESE – Diamo fiducia a Leitner. Il giocatore è interessante: tatticamente disciplinato ha anche un bel bagaglio tecnico. Inoltre, ha anche un discreto fiuto per il gol. In mezzo alla bagarre laziale potrebbe emergere.

ALTRI GIOCATORI: LE INCOGNITE –  Viste le tante incognite, qui, diciamo anche i crediti che, a nostro giudizio, andrebbero spesi per ogni singolo giocatore. Parliamo, ovviamente, di aste tra amici. Partiamo dalla difesa.
Wallace è, in teoria, il centrale titolare. Durerà? I dubbi ci sono: in Francia è apparso spesso distratto e poco reattivo, finendo per fare anche figure barbine. Figurarsi in serie A. Gli diamo il beneficio del dubbio, ma Inzaghi ci dovrà lavorare su parecchio. Da prendere sotto i 10 crediti.
Discorso simile per Jordan Lukaku. Il ragazzo ha qualità, ma dal punto di vista tattico è lontano anni luce dalla serie A. Anche qui, Inzaghi dovrà lavorare molto. Anche qui, mettere più di 10 crediti sarebbe azzardato.
Altre incognite sono Milinkovic-Savic, Kishna e Cataldi. Tecnicamente nessuno dei tre si discute, ma devono crescere dal punto di vista della personalità. Più di 15 credi non vale la pena spendere.
Discorso simile per Morrison. Tecnicamente il più forte della rosa biancoceleste, ma il carattere lo frega. Da prendere ad 1 per chi ci crede.
Per Parolo c’è da capire il suo rendimento sotto rete. A 25 crediti, può essere ancora conveniente. Senza gli assist di Candreva e con i due “ribelli” che non si capisce che fine facciano, la vediamo dura.
Proprio F. Anderson e Keita sono due enormi punti interrogativi: se rimangono contro voglia, saranno un flop assicurato. Non svenatevi per loro. Più di 35-40 crediti è un azzardo.
Infine Immobile. In carriera due titoli di capocannoniere, ma anche i fallimenti con Genoa, Borussia e Siviglia. L’impressione è che non regga la pressione. A Roma c’è n’è tanta. Non è, quindi, scontato che arrivi in doppia cifra. Occhio alla spesa. Se la Lazio inizia ad andare male, lui sarà tra i primi a mollare. Quindi, per quanto possa sembrare allettante, noi cercheremmo di evitare la cifra con due zeri.

Probabile formazione

RIGORISTA: Biglia
ASSISTMAN: Biglia
GOLEADOR: Immobile
LA RIVELAZIONE: Leitner
LA DELUSIONE: F.Anderson