Europeo in arrivo per gli azzurri

0
517

Mancano ormai poche settimane all’inizio delle gare di Euro 2012, gli azzurri di Cesare Prandelli sono riuniti a Coverciano ormai da tre giorni e tra i giocatori si nota un’enorme voglia di ben figurare, il gruppo di oltre trenta ragazzi dovrà essere notevolmente scremato.

Mentre Montolivo e Chiellini continuano il lavoro differenziato, nella partitella disputata ieri si sono evidenziati De Rossi, reduce da un’operazione alla mano destra, il neo azzurro Verrati e il recuperato bomber Giovinco, ansioso di mostrare a tutta Europa la sua stoffa da campione.

A proposito di Giorgio Chiellini, lo Juventino in conferenza stampa si è mostrato determinato a recuperare dall’infortunio, arrivato con le lacrime durante l’ultima partita di campionato contro l’Atalanta, per essere già in campo contro le furie rosse spagnole “Spero e credo di esserci per la Spagna, sono tranquillo e fiducioso, il tempo c’è. Ho avuto paura di perdere tutto. Juventini senza fame? Ipotesi da non prendere proprio in considerazione, la voglia in una competizione del genere ce l’hai sempre, anzi la sconfitta in coppa Italia ci da ancora più determinazione e io sono pronto a giocare in qualsiasi ruolo”. L’Italia avrà davvero bisogno della grinta e della concretezza del difensore bianconero, ma i tifosi italiani attendono con altrettanta ansia il giocatore che farà brillare la nostra squadra. “L’Italia di Cassano e Balotelli” scrivono i giornali, e senza dubbio i due sono tra i giocatori di più grande talento del nostro paese, ma sopratutto sono i più chiacchierati con “l’inglese” che dovrebbe far parlare di sé più per quanto fa in campo che per quanto combina fuori, tuttavia Balotelli si mostra scocciato in conferenza stampa e testardo si rifiuta di ammettere i suoi errori “Dove devo crescere? Non sono d’accordo sul fatto che devo crescere di testa, anzi questo discorso mi ha anche stufato. Devo migliorare nella tattica e tecnicamente, come ogni giovane calciatore”. Francamente a noi tifosi azzurri avrebbe rincuorato un sereno mea culpa seguito da una gran voglia di riscatto, le promesse che la punta del City ostenta suscitano un certo timore “L’Europeo è l’occasione della mia vita. La responsabilità? Non mi ha mai pesato, sono anzi contento di averla, Prandelli mi ha aspettato e dato fiducia come ha fatto Mancini, e io non vedo l’ora di ripagarlo. E di certo non lascerò mai la squadra in dieci, anzi voglio dare una grande mano. Vorrei dare all’esterno l’immagine di un giocatore che diverte e si diverte, oltre a quella di un giocatore e di una squadra vincenti. Ho parlato con Prandelli, non serve che sia lui a dirmi che non posso sbagliare, so che questa è per me un’occasione importantissima”. Speriamo che Mario faccia davvero parlare di sé solo per l’aiuto dato alla nostra Italia nel bel figurare in Polonia-Ucraina, tra i ragazzi della nostra nazionale ci sono uomini che sanno cosa vuol dire essere dei modelli e degli esempi per tanti bambini italiani, è una responsabilità che preghiamo sapranno apprendere anche i più giovani come Balotelli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.